Inter 2-2 Borussia Moenchengladbach: le pagelle europee del match

L’Inter domina un’altra partita ma nonostante ciò, bastano 2 tiri dei tedeschi per strappare un pareggio. Finito sullo 0 a 0 il primo tempo, Lukaku sblocca il match nella ripresa. Poi, su due errori di Vidal il Borussia Moenchengladbach passa in vantaggio. Nel finale ancora Lukaku riporta in parità la partita.

Handanovic (5,5) incolpevole sui 2 gol. Non para il rigore per poco ma si prende un giallo con un’uscita sbagliata.

Kolarov (6) gioca una buona gara. Difende con attenzione. Spostato, nel finale, sulla fascia gioca decisamente meglio. Sfiora il gol su punizione nel finale.

De Vrij (6) attento, segue sempre l’uomo e concede pochissimo.

D’Ambrosio (5,5) impacciato nelle giocate più semplici, perde molti palloni banali.

Perisic (6) soffre la posizione non ideale, ma attacca con costanza e soprattutto mettendo in difficoltà gli avversari. Viene sostituito da Bastoni (s.v.) che torna dopo il COVID-19. Importante il suo rientro.

Vidal (5) mette in campo tanto sacrificio ma regala il rigore ai tedeschi e perde completamente l’uomo sul 2 a 1. Errori purtroppo fatali.

Barella (6) corre ancora tanto e si vede. Stanco e poco lucido sbaglia spesso l’ultimo passaggio.

Darmian (6,5) gioca veramente bene. Esordio assolutamente positivo. Attacca e difende senza sosta. Può essere un giocatore utile per la squadra.

Eriksen (6,5) finalmente ritorna quello che conosciamo. Entra nel vivo del gioco, smista i palloni e si rende molto pericoloso. Viene sostituito da Brozovic (6) che da una scossa alla squadra e salva il risultato con un colpo di testa.

Sanchez (5) sicuramente non al meglio, si vede poco e crea poche occasioni. Viene sostituito da Lautaro (6) che lotta tantissimo e colpisce un palo clamoroso con una splendida girata al volo.

Lukaku (7) assolutamente il migliore. Segna il 9 gol consecutivo in Europa. L’Inter si aggrappa alle sue spalle.

Conte (6) non ha colpe. Diciamolo chiaro. La squadra gioca e gioca bene. È un personaggio veramente difficile e l’assenza di Hakimi si sente e si sentirà in futuro.

Il momento passerà. Abbiamo le possibilità di fare bene e dobbiamo crederci. Uniti, insieme ne usciremo.

AMALA!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *